COMITATO di AZIONE PERMANENTE Comunicato n° 1

COMITATO di AZIONE PERMANENTE

Comunicato n° 1

I 13 componenti della lista elettorale del «Salvagente» alle elezioni di BRONI, con in testa i presentatori della lista Romano Gandini e Maurizio Campagnoli e il Consigliere eletto Ezio MAGGI, ringraziano innanzitutto i 589 elettori bronesi (12,88 % dei voti validi) che hanno avuto l’intelligenza ed il coraggio di votarli, respingendo tutti i tentativi intimidatori di dissuasione messi in atto incredibilmente ed irresponsabilmente dalle dirigenze, non solo locali, del centrodestra.

I promotori della lista del Salvagente, dopo aver spiegato in tutti i modi a dei finti sordi (e quindi , purtroppo, senza riuscire a farlo capire) che UNITI SI VINCE! sono scesi in campo con la propria lista allo scopo di combattere l’ARROGANZA, la PREPOTENZA e l’IGNORANZA di costoro, che adesso possono solo dire «chi è causa del suo mal pianga se stesso!» e non dire invece che solo il SALVAGENTE ci ha salvati da una mareggiata molto forte quale quella di non entrare in Consiglio Comunale. La mareggiata molto forte ha travolto invece loro, consegnando, per la loro colpa e la loro cecità, il Comune alla minoranza di sinistra (44,13% contro il 55,9% del centro destra se fosse stato unito).

Però loro non avevano il Salvagente….

Siamo convinti che la lezione superi i confini bronesi e che serva non solo per la provincia di Pavia, visto che ovunque c’è bisogno di «SCOSSONI» per far rientrare in sé gli SVITATI di ogni luogo e rango.

A questo scopo, per continuare a diffondere cioè l’»effetto Broni», i membri della lista del Salvagente si costituiscono in COMITATO di AZIONE PERMANENTE, per evitare che si ripetano altrove le BESTIALITA’ qui avvenute, affinché BRONI non diventi un esempio da imitare!

Una considerazione finale rivolta ai forestieri di ogni rango e provenienza giunti a Broni in occasione di queste elezioni.

Le decisioni necessarie ed opportune, anche se sofferte, sono state da noi prese perché perfettamente a conoscenza di uomini, cose e luoghi della nostra Città, al contrario di costoro che hanno preteso di imporci delle posizioni senza sapere nulla di Broni e dei bronesi.

Il tempo dei Capitani di Ventura è finito! Occorre che costoro lo sappiano! e si ricordino che a volte si dimostra valido il detto «piuttosto di niente è meglio piuttosto».

Lettera_a_Claudio_MANGIAROTTI

Lettere_varie

email

Condividi :

Altri Articoli